lunedì 31 marzo 2014

Mostra Nazionale dei Vini Passiti e da Meditazione

Dall’1 Al 4 maggio 2014 torna la Mostra Nazionale dei Vini Passiti e da Meditazione
Degustazioni guidate e assaggi nei magici ambienti di palazzo Gonzaga tra vini nazionali e stranieri. Ospiti d’eccezione i vini francesi e ungheresi



Anche quest’anno, dall’1 al 4 Maggio, Volta Mantovana si trasformerà nella capitale dei vini passiti italiani e stranieri. La XII edizione della ormai nota mostra, infatti, sarà ampiamente dedicata ai vini nazionali ma anche agli immancabili vini internazionali: ospiti di quest’anno saranno Francia e Ungheria, accompagnati dagli Eiswein tedeschi, dai Passiti Sudafricani, Spagnoli e Portoghesi. La mostra si svolgerà tra le scuderie, i giardini all’italiana e le sale del cinquecentesco Palazzo Gonzaga, in un’atmosfera ricca di storia, cultura e divertimento.

Nel giardino principale sarà allestito un grande banco dove, aiutati da esperti sommelier e analisti sensoriali, potrete assaggiare tutti i vini esposti, nazionali e internazionali. Per chi desidera approfondire ulteriormente la conoscenza dei passiti, saranno proposte, solo su prenotazione, le degustazioni guidate, dove sommelier e produttori vi guideranno alla scoperta di sapori antichi, dimenticati, e azzarderanno qualche incantevole e accattivante combinazione con cioccolata, prodotti tipici, dolci e formaggi.

Le degustazioni  guidate sono prenotabili ed acquistabili online sul sito www.vinipassiti.com e vi permetteranno di vivere un’esperienza unica, farvi assaporare il gusto , il lavoro e la passione che racchiude in se il prodotto. I vini si potranno poi assaggiare e acquistare nel mercato, dove tra le altre cose potrete incontrare i produttori, che saranno lieti di ascoltarvi, rispondere alle vostre curiosità e farvi assaggiare i loro prodotti.

Per godersi appieno questa quattro giorni potrete inoltre pranzare all’interno degli splendidi giardini con un pasto frugale, o partecipare a una delle meravigliose visite guidate al palazzo, alle torri e alle nuovissime cantine. Nei giorni della Mostra i ristoranti convenzionati di Volta Mantovana proporranno un menù tipico, accompagnato da vini locali e Vino Passito al prezzo concordato di €. 25,00.

Il biglietto d’ingresso alla mostra è di euro 5,00. Per godervi maggiormente l’esperienza sensoriale consigliamo anche l’acquisto del bicchiere, insieme al quale riceverete in omaggio un buono per un assaggio di passito.

La Mostra Nazionale dei Vini Passiti e da Meditazione è organizzata da Comune di Volta Mantovana e Proloco Voltese, in collaborazione con la Strada dei Vini e Sapori Mantovani, Regione Lombardia – Agricoltura, Federazione delle Strade dei Vini e dei Sapori di Lombardia, Provincia di Mantova – Assessorato all’Agricoltura e Consorzio Provinciale Tutela Vini Mantovani.

Programma

Giovedì 1 Maggio 2014

9.00: apertura degli spazi espositivi con: 
  •     rassegna dei vini passiti: esposizione dei vini partecipanti con scheda tecnica
  •     banco d’assaggio: dove si potranno gustare tutti i vini in rassegna
  •     mostra Mercato: le aziende espongono, fanno degustare e vendono i loro vini ed i loro prodotti
  •     mostre tematiche 

10.30: inaugurazione ufficiale Mostra

11.30: inaugurazione mostra cantine

20.00: chiusura stand

Venerdì 2 Maggio 2014

9.00: apertura degli spazi espositivi

dalle 10.00 – 19.00 degustazioni guidate vini passiti, cioccolato-passiti, passiti - formaggio

dalle 16.00 spazio ludico per bambini

dalle 19.00 animazioni nell’area esposizioni

20.00 chiusura stand 

Sabato  3 Maggio 2014

9.00 apertura degli spazi espositivi

dalle 10.00 – 19.00 degustazioni guidate vini passiti, cioccolato-passiti, passiti - formaggio

dalle 16.00 spazio ludico per bambini

dalle 19.00 animazioni nell’area esposizioni

20.00 Chiusura stand 

Domenica 4 Maggio 2014

9.00 apertura degli spazi espositivi

dalle 10.00 – 18.00 degustazioni guidate vini passiti, cioccolato-passiti, passiti - formaggio

dalle 16.00 spazio ludico per bambini

20.00 chiusura stand

Informazioni sempre aggiornate su www.vinipassiti.com e sull’evento di facebook 

Nei giorni della mostra l’hashtag di twitter sarà come sempre #vinipassiti e gli aggiornamenti scorreranno in diretta sul sito!

domenica 30 marzo 2014

ITALIAN WINE ON THE "MARCH TOP 10 WINES ASIAN MEDIA&US/UK PRESS"

ELEVEN ITALIAN WINE THIS MONTH ON THE TOP WINES MEDIA&PRESS



US PRESS

Icardi Barbera d’Asti 2009

Michael Dresser, writing in The Baltimore Sun, picked this Barbera varietal from Piemonte in Italy which is a bargain at around $15.

He said: “This wine shows the softer side of Barbera, an under-rated red wine that can be hard-edged in youth.

“It offers complex flavors of black, cherry, spices, smoked meat and vanilla. It’s a very smooth red wine that can be drunk with pleasure now.”

He said it would pair well with pasta dishes, red meats.
Price: $15


Borgogno Barbera-d’Alba 2011 Superiore

This “mid-priced marvel” Italian Barbera was another of Zacharkiw’s recommendations which he said had a “refreshing authenticity unhampered by oak.” 

He said: “So refreshing to taste a red wine that’s, well, so refreshing. Barbera without artifice, so none of that annoying oak flavour that so often dulls Barbera. Just pretty red fruit with enough tannin to give it some great length.

“One of the most versatile wines I have tasted recently. Serve at 16 C. Drink now-2016. Food-pairing idea: Apéritif, spaghetti with tomato (sun-dried) sauce.”

Price: $21

Caprili Rosso di Montalcino 2011

A “perfect food for wine”, this 100% Sangiovese Grosso from Tuscany was Irene Vibila’s pick of the week, writing in the LA Times this week.

She said: “What a beauty. Caprili’s 2011 Rosso di Montalcino, 100% Sangiovese Grosso, is the perfect food wine, bright and chiseled, with flavors of black cherries, sweet spices and chocolate. Tannins are tight, and there’s a lovely slight bitterness at the finish that keeps you coming back to the glass.

“It’s wonderful with tagliatelle or fettuccine with meat ragù, grilled portobello mushrooms, grilled meats or roasted birds.”

Price: $20 to $24

Renieri Toscana IGT, Regina di Renieri 2009

Rebecca Murphy, writing in the Dallas News, also recommended a Tuscan wine – a “spicy” Syrah with “savory cedar aromas.” 

She said: “Syrah from Tuscany? Indeed, syrah thrives in sangiovese country, bringing color, fullness and complementary tannins in a blend. It takes a star turn in wines like this one from Renieri. Its spicy, savory cedar aromas alert the taste buds to get ready for a mouthful of wonderful. The rich flavors of blackberry and black cherry fruit show an Italian flair, mingling with licorice, tobacco and wood spice and tempered by decisive acidity and dusty tannins. Enjoy it with a steak grilled with rosemary.”


Price: $35


La Ferla Inzolia 
2013 

Another recommendation from Dresser was for this Sicilian white made from the lesser-known Inzolia grape.

He said: This is a wonderfully fresh wine, just recently bottled. Inzolia, a white wine grape grown in Sicily, is hardly a household name, but this wine puts 90% of Pinot Grigios to shame. It’s a fully dry wine, but it has so much lively fruit there’s no severity.

“There are refreshing hints of lime, lemon, pear, mint and pine. It’s a thoroughly enjoyable wine at a very appealing price, perfect for outdoor sipping between now and Labor Day.”

Serve with fish, shellfish or Thai cuisine

Price: $9


Fattoria Selvapiana Chianti Rufina 
2010

A selection of wines chosen to pair with pizza were highlighted by Irene Virbila this week, writing in the LA Times, including this Tuscan Chianti. 

She said: “One of the best estates in the Chianti Rufina area of Tuscany, Selvapiana turns out first-rate Sangiovese-based reds.

“A deep ruby in color, the 2010 Selvapiana tastes of bright cherries and plums, but a touch of earth gives it some weight. A great everyday Chianti.”

Price: $15 to $20



UK PRESS

Malvirà Langhe Nebbiolo 2010

Jamie Goode, writing in The Express, recommended this “elegant” red with notes of “tea and herbs”. 

He said: “Nebbiolo is the red grape that’s used to make Barolo and Barbaresco, and it can be a little overpowering. But here it has been used to make a supple, elegant, lighter-coloured red with sweet cherries and notes of tea and herbs. Delicious.”

Price: £11.99 – Waitrose





Benito Ferrara Taurasi Vigna Quattro Confini 2008

Goode also recommended this Italian red produced by the Benito Ferrara winery, headed up by winemaker Paul Caciorgna, based in southern Italy. 

He said: “Aglianico is the grape here, and it’s used beautifully in this Campanian red. It has hints of balsamic vinegar and spice, alongside textured black-cherry and blackberry fruit, finishing with fine spiciness and firm flavours.”

Price: £34





Cascina Ballarin Barbera D’Alba Giuli 2008

Writing in The Independent, Terry Kirby chose this “fabulously moreish” 2008 Barbera from Italy’s Piedmont region. 

He said: “Serious, sophisticated, medium-bodied red from Piedmont, with a delightful balance of fresh, cherry flavours and a dark, intense structure. Fabulously moreish; drink with a herby roast chicken and rocket salad.”

Price: £25.30, jascots.co.uk






Podere Le Cinicole Cinciorosso IGT Toscana 2010

David Williams, writing in The Guardian, like Goode, also picked a selection of wines to match with food. One of his recommendations was for this Italian red blend made up of Cabernet Sauvignon, Merlot, Sangiovese and Syrah.

He said: “At the [SITT, the Specialist Importers Trade Tasting in London], one of the standout exhibitors was H2Vin, which, as might be expected from a company run by a former top sommelier and a French expat with a couple of decades’ experience selling to the UK’s best restaurants, has a range of wines that have food-friendliness as a priority. These are wines that put the emphasis on texture as much as fruit, with a freshness that complements rather than overwhelms at the table – wines such as this succulent, fragrant light red from Chiantishire, which includes a little Cabernet Sauvignon, Merlot and Syrah in its blend but is really all about the tangy, blood orange, cherry and cranberry of Sangiovese for matching with tomato-based pasta.”

Price: £12, www.h2vin.co.uk


Umani Ronchi Casal di Serra Verdicchio Classico Superiore 2012

Matthew Jukes, writing in The Daily Mail recommended six “incredible wines” including some of South Africa’s finest Rieslings to this Verdicchio white from Italy.

He said: “This is the 30th anniversary release of my favourite Verdicchio – the brilliant, single vineyard Casal di Serra. Tasting like a classy Italian ‘Chablis-style’ white I have followed this great value wine for 28 of its years and every single one has been a stunner.”

Price: About £12.50, Great Western Wine tel. 01225 322810, Roberts & Speight tel. 01482 870717, Whalley Wine Shop tel. 01254 822581, hic! tel. 01977 550047.

sabato 29 marzo 2014

La Barbera d’Asti a denominazione “Nizza”



Ais delegazione di Fiumicino in collaborazione con il Progetto Nizza in tour organizza un evento con banchi d'assaggio e seminario (posti limitati) con la presenza di 25 produttori del Nizza
Nuova e prestigiosa tappa, quella del Progetto Nizza, che si vedrà ambasciatrice, presso la sede A.I.S. di Fiumicino, della nuova denominazione Barbera d’Asti Superiore Nizza,  forte identificazione del binomio Barbera e territorio storico d’elezione



Un'occasione unica per conoscere ed apprezzare gli stili e le varie espressioni della Barbera d’Asti Superiore Nizza. Un evento che vede la partecipazione delle aziende che hanno contribuito alla sua nascita attraverso un intenso lavoro, in un percorso di confronto, discussione e crescita iniziato negli Anni 90 e poi consolidato il 19 novembre 2002 con la nascita dell’Associazione Produttori del Nizza. 

Il 20 dicembre 2013 l’Assemblea dei soci del Consorzio dei Vini d’Asti e Monferrato approva all’unanimità il rinnovato disciplinare di questa super Barbera che, dal 2000, viene prodotta in 44 aziende vitivinicole di 18 comuni del Sud Astigiano, attorno alla città di Nizza Monferrato. Si viene a realizzare quel sogno che vede il “Nizza” diventare la punta di diamante della produzione di Barbera del Piemonte, un nome breve e riconoscibile, che racchiude in se tutta la tradizione di un territorio unico, fatto di uomini, storia e cultura.

Molte sono le novità introdotte nel disciplinare: il nuovo Nizza sarà 100% Barbera, non è consentito l’arricchimento del grado alcolico nelle annate dichiarate sfavorevoli e quindi, va da sé che nelle annate difficili non si produrrà “Nizza”. Inoltre, nasce un “Nizza Riserva” che deve essere affinato in cantina almeno 30 mesi (di cui 12, come minimo, in botti di legno).

Si degusteranno i Nizza dei produttori partecipanti compresa la produzione dei vini da dessert Moscato, Brachetto e Malvasia Don Bosco, in abbinamento a salumi formaggi e dolci tipici monferrini.

Al Seminario Parteciperanno 4 Aziende Selezionate con degustazione vecchie annate:
Malgrà 2007, Erede di Chiappone A. 2006, Avezza Paolo 2003, Cascina Garitina 2001.

Queste le aziende partecipanti:

Antiche cantine Brema, Azienda Agricola Avezza Paolo, Baravalle Az. Agr. di Colombari Giuseppe, Bava Az. Vitivinicola, Bersano Vini, Cantina di Vinchio, Cantina Soc. Barbera Sei Castelli, Cantina tre Secoli, Cascina Garitina, Cascina la Barbatella, Cascina Lana, Coppo, Erede di Chiappone Armando, Franco Mondo, Fratelli Bianco, Guasti Clemente, L' Armangia di Giovine I. Domenico, La Gironda, Malgrà, Michele Chiarlo, Scrimaglio, Tenuta dell'Arbiola, Tenuta Olim Bauda, Tenute dei Vallarino, Villa Giada.

Ingresso Banchi D'assaggio euro 15,00
Ingresso Seminario euro 20,00
 
Quando: Venerdì 18 aprile dalle ore 19.00 alle ore 22.00
Info e Prenotazioni: aisfiumicino@gmail.com 3664594606-3661463870

giovedì 27 marzo 2014

Cioccolato alla Corte del Barolo Chinato

Al Castello Comunale Falletti di Barolo torna la manifestazione Cioccolato alla Corte del Barolo Chinato
Una kermesse organizzata dall’Enoteca Regionale del Barolo in collaborazione con il Comune e la Pro Loco di Barolo per far incontrare il Barolo Chinato ed il cioccolato nelle sue diverse declinazioni in golosi abbinamenti tutti da assaggiare



“Quest’anno — spiega Federico Scarzello, Presidente dell’Enoteca Regionale del Barolo — il calendario dell’evento è stato posticipato di alcune settimane rispetto al tradizionale appuntamento di inizio marzo per concentrarci sui lavori di ristrutturazione dei locali dell’Enoteca senza disturbare il regolare svolgimento delle degustazioni con gli inevitabili, ma indispensabili piccoli disservizi dovuti al riallestimento che stiamo portando a termine e che ci consentirà di essere di nuovo operativi e quindi aperti al pubblico fra la fine di marzo e l’inizio del mese di aprile.” 

Cosi, dopo la trasferta torinese del 8 e 9 marzo nelle suggestive sale di Palazzo Barolo, fra balli in costumi ottocenteschi e l’abbinamento alle prelibate praline di alcuni tra i migliori pasticceri della città, le etichette di Barolo Chinato di questa edizione 2014 rientrano a Barolo, dove nelle giornate del 22-23 marzo e del 29-30 marzo celebreranno il connubio dolce-amaro per deliziare il palato di appassionati, cultori e semplici golosi.

II pubblico potrà infatti assaggiare e confrontare una selezione di ben 21 Barolo Chinato differenti e avrà modo di soddisfare le proprie curiosità interagendo direttamente con i Produttori o con il personale presente: un’opportunità da non perdere, se si considera la rarità di questo vino aromatizzato, prodotto solo da poche aziende ed in quantità limitata.

Continua il Presidente Scarzello: “Sottolineo che il ventaglio di Barolo Chinato presentati in questa manifestazione è rimasto pressoché costante nel corso delle ultime edizioni, segno che i Produttori credono nell’iniziativa ed in generale appoggiano le attività rivolte ad un pubblico sempre più attento prima di tutto alla qualità.”

“Ringraziamo pertanto le aziende che ci hanno permesso di realizzare questa “degustazione in coppia” — conclude Italo Cabutto, Presidente della Pro Loco di Barolo — e ricordiamo anche le case dolciarie piemontesi Baratti & Milano, F.lli Marolo e Novi insieme con la Pasticceria Dolce e Salato di Barolo, che si sono rese disponibili a fornire le tipologie di cioccolato fondente e di praline pi adatte ad esaltare la complessita e la ricchezza del Barolo Chinato nei banchi di degustazione allestiti nel Castello Falletti di Barolo.

Produttori presenti:

Barale F.lli Costa di Bussia Palladino Batasiolo Damilano Rivetto Bel Colle Ferrero Schiavenza Borgogno Fontanafredda Sebaste Borgogno F.lli Serio e Battista Marcarini Sibona Cagliero Marchesi di Barolo Terre da Vino Cocchi Montanaro Terre del Barolo

Enoteca Regionale del Barolo
Piazza Falletti, 1 12060 Barolo Cuneo
Tel: +39017356277
info@enotecadelbarolo.it http://www.enotecadelbarolo.it/

L'Enoteca Regionale del Barolo è ospitata nel Castello Comunale di Barolo, dove dal settembre 2010 ha anche sede il Wi.Mu. Museo del Vino, l’Enoteca Regionale del Barolo viene istituita nel 1982 da una specifica Legge Regionale ed è la prestigiosa vetrina della produzione vinicola degli undici Comuni che costituiscono la zona d’origine del “re dei vini”: Barolo, Castiglione Falletto, Cherasco, Diano d’Alba, Grinzane Cavour, La Morra, Monforte d’Alba, Novello, Roddi, Serralunga d’Alba, Verduno.

Attualmente rappresenta 195 produttori, i cui vini sono ammessi soltanto in seguito all’esame di un’apposita commissione di degustazione, operante su campioni rigorosamente anonimi per esprimere un giudizio in termini di idoneità oggettiva.

I Barolo selezionati sono quindi esposti nei locali di degustazione e vendita al pubblico, ricavati nelle Antiche Cantine dei Marchesi Falletti, culla storica del Barolo, nella stessa suggestiva cornice in cui oltre centocinquanta anni fa ha cominciato ad acquistare notorietà e fama.

mercoledì 26 marzo 2014

Tenuta di Calamoni sull'isola di Favignana

Viticoltura eroica, viticoltura di mare. A Favignana nasce il nuovo vigneto "autoctono" a piede franco
Da poco completato l’impianto di 1000 nuove piante nel vigneto della Tenuta di Calamoni sull'isola di Favignana nelle Egadi
I vigneti scelti per questa iniziativa sono: Grillo, Perricone, Nero d’Avola, Zibibbo e Catarratto. 4 vigneti autoctoni che valorizzano l'habitat marino e la capacità di queste piante a resistere in un ambiente normalmente ostile. Le produzioni vinicole di Favignana sono di nicchia, qui scelta dei vigneti e territorio incarnano il concetto di terroir



E’ stato appena completato, dallo staff dell’azienda Firriato, l’impianto di 1000 nuove piante a piede franco nel vigneto della Tenuta di Calamoni sul versante centro sud dell’isola di Favignana nelle Egadi.

Grillo, Perricone, Nero d’Avola, Zibibbo e Catarratto, questi i vitigni, tutti rigorosamente autoctoni, utilizzati per valorizzare ancor di più l'habitat marino e la capacità di queste piante a resistere in un ambiente normalmente ostile.

Come con l’Etna, a Favignana vengono realizzate produzioni limitate, di nicchia, dove il territorio e la scelta varietale nei vigneti, riescono ad incarnare appieno il concetto guida di terroir.

I vigneti della Tenuta di Favignana sono stati impiantati nel 2009 e la scelta di impiantare la vite a piede franco, un unico individuo vegetale dalla radice all’ultima foglia, senza cioè il consueto porta innesto, consente di valorizzare la sperimentazione e la ricerca che si fa quotidianamente in questo particolare habitat che va ad aggiungere ulteriore unicità ai vini prodotti da questi vitigni particolari e dalla spiccata identità.

La sabbiosità dei terreni e la matrice salina che caratterizza questo suolo sono un deterrente naturale agli attacchi della Fillossera, rendendo difficile che il parassita, responsabile della malattia, attecchisca e distrugga le piante. In questo particolare areale le viti a piede franco, riescono ad esprimere una forza vitale capace di adattarsi a queste condizioni così particolari e a garantire al viticoltore una produzione naturalmente equilibrata.

La continua ventilazione  costituisce, poi, il più importante antiparassitario naturale, garantendo un clima secco e mitigato tutto l’anno. L’influenza del mare si concretizza anche sotto un altro importante aspetto, quello offerto dalla fertilizzazione naturale che interviene con la presenza della Poseidonia, una pianta marina ricca di potassio, che durante le mareggiate si deposita in grandi quantità sulla vicina scogliera di Calamoni e che i venti del sud sollevano e spargono per tutto il vigneto, conferendo nuove sostanze nutritive e nuovi apporti minerali. 

Siamo di fronte a una vera e propria “viticoltura del mare” praticata in un contesto produttivo sorprendente per la natura del suo paesaggio, ma difficile e ambiziosa, caratterizzata da condizioni pedoclimatiche particolari ed estreme. Una scelta agronomica che trova sull’isola di Favignana quasi una sublimazione, per le peculiarità di questo habitat così insolito e particolare, dove Natura e lavoro dell’uomo sono continuamente sollecitati a ridefinire, di vendemmia in vendemmia, un nuovo punto d’arrivo.

Dalla Tenuta di Calamoni prendono così vita, con la linea Favinia, tre vini unici per stile e tipologia produttiva. Il primogenito è stato la “La Muciara”, un blend di Grillo, Catarratto e Zibibbo, un vino dallo spettro aromatico elegante e complesso che si fa apprezzare per la piacevole e vibrante acidità avvolta da eleganti note aromatiche  in una trama  sapida e minerale. 

Dalle varietà a bacca rossa di Perricone e Nero d’Avola  nasce “Le Sciabiche”, vino caratterizzato da una poderosa struttura corredata da tannini nobili, avvolgenti e di grande finezza da un fondo di spiccata mineralità e sapidità che richiama il mare.

Completa la gamma produttiva il Passulè, un passito elegante, a base di Zibibbo, che si distingue per la sua freschezza arricchita da delicate sfumature fruttate e marine.

Merita un viaggio, quella che, il pittore Salvatore Fiume negli anni ’70 definì, “una farfalla adagiata sul mare”. Una grande farfalla di tufo dorato sul mare più azzurro che c’è. La bellezza della pietra dalle tonalità che dal giallo oro arrivano a sfiorare il rossastro,  in molti casi sono diventate delle superbe calette dove è possibile godere del sole e di un mare cristallino: Cala Rossa, Cala Azzurra e Lido Burrone quelle più eclatanti. La macchia Mediterranea è prevalente, con l’Agave, la Palma nana e il Pino Marino a sfidare il vento che spira incessantemente al mattino. Favignana è una terra straordinaria anche sotto il mare, per le meraviglie che custodisce, i suoi fondali medio-bassi sabbiosi sono colonizzati dalla Poseidonia creando un habitat unico ed ideale per la vita marina.

I fenici la chiamavano Katria, i latini Egate, i greci Aegusa (“l’isola delle capre”) per la quantità di capre selvatiche che pascolavano nell’isola. Ma, oltre alle capre, c’erano altri animali selvatici: conigli, porci, e asini. Una leggenda racconta che Aegusa era una ninfa che abitava nell’isola. L’isola era ricca di alberi e l’acqua vi abbondava, anche se per averla bisognava scavare. Il nome attuale dell’isola risale al medioevo e sembra derivare dal nome di un vento caldo proveniente da ovest, il Favonio e nel dialetto egadino, l’isola si chiama Fougnana e gli abitanti fougnanisi.

Questo paradiso è entrato nella storia del Mediterraneo in tante occasioni, dalle guerre puniche alla dominazione araba, dall’arrivo degli spagnoli sino all’800 con l’epopea di una famiglia di imprenditori come i Florio che a Favignana realizzarono la più grande tonnara del Mediterraneo, per quasi due secoli attiva ed oggi, dopo un periodo di abbandono, trasformata in Museo e spazio espositivo.  







Vineyard in Roman Egypt

Evidence of grape theft in Roman Egypt

egyptian
A contract for a security guard on a vineyard in Roman-controlled Egypt over 1,000 years ago has recently been deciphered


Written in Greek on a piece of papyrus from the 4th century AD, the contract has been deciphered by Kyle Hems at the University of Cincinnati and his finding published in The Bulletin of the American Society of Papyrologists.

According to Live Science, the document is for a man named Flavius to guard a vineyard near the village of Panoouei, “from the present day until vintage and transport, so that there be no negligence, and on the condition that I receive in return for pay for all of the aforementioned time.”

The translation is evidence that the problem of grape theft before harvest is not a modern phenomenon and the guard would also have been employed to chase off animals such as wild pigs, which also like to sample ripe grapes.

Even today stories occasionally circulate of producers sometimes losing whole crops just before harvest either to thieves or marauding fauna.

In his findings, Hems also writes of stone walls and small watchtowers being employed to keep out undesirables as well as one account of another guard being beaten up by “violent and rapacious criminals” as he attempted to stop them stealing his master’s grapes. The scrap of papyrus was found in the collection of the University of Michigan where it had been lying, forgotten, for around a century.

Well over 1,000 years old, it was written when Egypt was ruled by the Eastern Roman Empire – soon to become the Byzantine Empire as the Western half fell into decline. Hems explained that it is not clear how much this Flavius would have been paid (as the papyrus fragment is incomplete), who his employer was nor where Panoouei once was. The Nile has changed its course many times over the years and many ancient towns and villages have been deserted and buried by the shifting sands.

Furthermore, the length of the Nile was once dotted with vineyards so Panoouei might be anywhere between the delta and the old city of Elephantine a few hundred miles away. Other recent translations in the latest bulletin include an Egyptian soldier serving in a Roman legion in modern Hungary some 1,800 years ago complaining about the weather and some writing from one of the men who helped design the Great Pyramid 4,500 years ago.

martedì 25 marzo 2014

Vinitaly 2014

SCHEDA RIASSUNTIVA 48ª EDIZIONE DI VINITALY. SOL&AGRIFOOD, ENOLITECH: L'UNICO NETWORK INTERNAZIONALE PER I PRODUTTORI E I PROFESSIONISTI DEL WINE&FOOD DI QUALITÀ
Internazionalizzazione, buyer, export, bio e formazione: sono queste le parole chiave del 48° Vinitaly, in programma dal 6 al 9 aprile a Veronafiere insieme a Sol&Agrifood ed Enolitech.



Il più grande salone mondiale dedicato al vino e ai distillati si conferma il punto di riferimento più dinamico e qualificato per la promozione commerciale e culturale di questi prodotti sui mercati globali. Vinitaly, infatti, possiede la capacità di attrarre a Verona oltre 50mila operatori esteri da 120 Paesi con specifiche iniziative per favorirne l’incoming, unita ad un format che si rinnova di edizione in edizione. 

Novità assolute di quest’anno, che si sviluppano sul doppio binario di una crescente internazionalizzazione e una particolare attenzione al panorama delle produzioni biologiche, sono Vininternational, International Buyers' Lounge e Vinitalybio. Vininternational - International Wine Production, rende per la prima volta organica la presenza degli espositori esteri all’interno di un padiglione che ne ospita più 70 dai principali Paesi produttori. 

L’International Buyers' Lounge, con Taste and Buy, è invece la nuova area per il b2b wine&spirit dedicata a
operatori esteri selezionati presenti in fiera, al fine di favorire relazioni e scambi commerciali. Al debutto anche Vinitalybio, realizzato con la collaborazione di FederBio: salone specializzato riservato ai vini biologici certificati. L’intento è quello di valorizzare le produzioni enologiche che seguono le norme del regolamento UE, e di rispondere a una precisa domanda del mercato, in particolare nei Paesi del Nord Europa, dell'America del Nord e dell'Estremo Oriente. 

Oltre alle iniziative pensate per l’incontro di domanda e offerta, Vinitaly per quattro giorni torna ad essere un importante momento formativo e culturale, con un ricco programma di degustazioni guidate, convegni, presentazioni di ricerche e indagini di mercato, utili per l’aggiornamento professionale e per essere informati sulle ultime tendenze dal mondo del vino. 

In contemporanea, come ogni anno, si svolgono Sol&Agrifood ed Enolitech, i due saloni che completano l’offerta di Vinitaly con l’eccellenza del food e delle tecnologie per la viticoltura, l’enologia e l’olivicoltura made in Italy. In tutto tre manifestazioni per una vetrina internazionale unica che fa dell’agroalimentare di qualità il proprio punto di forza: un comparto che vede l’export italiano protagonista con 33 miliardi di euro nel 2013, di cui 5 totalizzati dalla filiera vinicola e 1,3 da quella olearia.

VININTERNATIONAL E NUOVO LAYOUT DEL QUARTIERE FIERISTICO

Con lo scopo di aumentare la visibilità degli espositori e di potenziare gli scambi commerciali, è stato adottato un nuovo layout del quartiere fieristico dopo gli ampliamenti e le ristrutturazioni realizzate da Veronafiere negli scorsi anni. In particolare, il pad. 7B diventa 8, cosicché i padiglioni 8, 9, 10 e 11 diventano rispettivamente 9, 10, 11 e 12 (link alla mappa della fiera). Ciò ha permesso anche di dare organicità alla presenza degli espositori esteri, quasi tutti riuniti da quest'anno nel nuovo padiglione 'i' denominato Vininternational, collocato tra il padiglione 11 e Sol&Agrifood. Vininternational non è una semplice vetrina, infatti oltre agli allestimenti degli espositori sono previsti un'area tasting per degustazioni dedicate ai buyer e spazi di incontro per gli affari. Già confermata la presenza di vini provenienti dai principali Paesi produttori di vino, tra questi Francia, Australia , Sud Africa, Nuova Zelanda, Ucraina, Azerbaijan, Argentina, Cile, Spagna. Le aziende di Russia, Slovenia, Usa già presenti negli scorsi anni rimangono rispettivamente nei padiglioni 12, 6 e 3 per tradizione.

INTERNATIONAL BUYERS’ LOUNGE

È la nuova area espressamente dedicata agli incontri b2b, collocata nella Galleria Castelvecchio tra i padiglioni 2 e 3. Coinvolti i consorzi di tutela e le singole aziende espositrici da una parte e i buyer esteri dall'altra. Due le iniziative: Taste and Buy, per il b2b wine&spirit dove, sulla base di appuntamenti organizzati da Vinitaly con operatori esteri selezionati, avviare scambi commerciali e l'enoteca dell'International Buyers' Club, a disposizione di tutti gli operatori esteri presenti in fiera con in degustazione libera i vini appositamente selezionati dalle aziende per i mercati internazionali.

INCOMING

Tra le attività a supporto degli espositori c'è l'incoming di operatori dai più interessanti mercati internazionali, in particolare dell'ambito commerciale e dei media specializzati. Per supportare al meglio le nuove iniziative proposte, per questa edizione delle manifestazioni veronesi viene ulteriormente ampliato il numero dei visitatori invitati e ospitati direttamente da Veronafiere. In collaborazione con i delegati Veronafiere in 60 Paesi e l'Agenzia-Ice, sono state organizzate delegazioni di buyer da Svizzera, Germania, Austria, Gran Bretagna, Slovenia, Croazia, Romania, Bulgaria, Russia, Belgio, Olanda, Lussemburgo, Svezia, Danimarca, Ungheria, Portogallo, Repubblica Ceca, India, USA, Canada, Estremo Oriente, Taiwan, Hong Kong, Corea del Sud, Giappone, Cina, Australia, Sud Africa, Israele, Camerun, Messico, Ucraina, Estonia, Lettonia, Lituania, Finlandia. La scelta dei Paesi di provenienza è stata fatta valutando le richieste raccolte dall’indagine sulla customer satisfaction realizzata alla fine del Vinitaly 2013.

VINITALYBIO

È il nuovo salone specializzato di Vinitaly dedicato ai vini biologici certificati. Pensato per valorizzare le produzioni enologiche prodotte secondo le norme del regolamento UE n. 203/2012 sulla produzione e l’etichettatura del vino biologico, entrato in vigore il 1° agosto 2012, Vinitalybio vuole andare incontro alle richieste di una nicchia di mercato sempre più interessante che si sta sviluppando in particolare nei Paesi del nord Europa, dell'America del Nord, ma anche dell'Estremo Oriente.Vinitalybio, realizzato con la collaborazione di FederBio - l'organismo che riunisce la quasi totalità delle rappresentanze della filiera biologica italiana -, si configura come uno spazio espositivo ben identificato all’interno del padiglione 11. Oltre agli stand, all’interno dello spazio dedicato viene allestita un’enoteca che mette in degustazione tutti i vini biologici presenti a Vinitaly, così da coinvolgere tutte le aziende espositrici presenti in altri padiglioni che, oltre ai vini prodotti con metodi convenzionali, propongono una linea bio. In calendario una serie di degustazioni organizzate da Federbio e rivolte agli operatori esteri che vogliono approfondire la conoscenza dei vini biologici.

VIVIT

Con la nascita di Vinitalybio, si specializza ulteriormente l'offerta di Vivit, il salone nato prima dell'emanazione del regolamento comunitario sulla produzione di vino biologico.Vivit, che riscuote sempre maggiore successo, rimane ora la vetrina esclusiva dei vini artigianali, frutto del lavoro di quei produttori che si riconoscono nell’autenticità di un territorio e nella individualità. A questo evento viene riconfermato lo spazio della scorsa edizione.

CONCORSI

Ritornano a marzo, prima di Vinitaly, il 21° Concorso Enologico Internazionale (26-30 marzo 2014) e il 18° Concorso Internazionale Packaging (14 marzo). Un ritorno al passato che garantisce un traino di immagine da Vinitaly alla fine dell'anno per i prodotti vincitori appena messi in commercio e una garanzia per i buyer. Novità importanti per il concorso internazionale Sol d'Oro, che si sdoppia: svoltosi dal 16 al 22 febbraio 2014 a Verona nella sua l'edizione dedicata all'emisfero nord, cioè agli oli prodotti in autunno/inverno, si svolgerà per la prima volta a settembre, con il patrocinio di Veronafiere e con lo stesso capo panel, in Cile per gli oli dell'emisfero sud, cioè per la produzione oleicola realizzata nel “nuovo mondo” dove la campagna inizia in primavera. Particolarità del Concorso Sol d’Oro – Emisfero Sud, sarà la sede itinerante: ogni anno in
uno dei paesi a maggiore produzione olivicola (Argentina, Nuova Zelanda, ecc). Nell'ambito di Sol&Agrifood, nuova edizione del Golosario Prize.

DEGUSTAZIONI

Protagoniste in ogni edizione, anche nel 2014 tornano le degustazioni guidate. Nel padiglione Vininternational, una degustazione della Vinitaly International Academy con Ian D'Agata (altre due sono in
programma, una nella sala Tulipano e una nella sala C del 1° piano del Padiglione 10), una della rivista Winestate sui vini australiani e una dal prestigioso gruppo Iwsc; insieme alle altre degustazioni aziendali, porteranno il focus su molti vini francesi, oltre che australiani, sudafricani, di Nuova Zelanda, Azerbaijan, Ucraina, Spagna, Cile, Argentina. Confermato Tasting Ex…Press, il giro del mondo attraverso la degustazione dei migliori vini scelti da Gambero Rosso, Ais, Civiltà del bere, Euposia, Decanter, Der Winzer
e Vince Magazine. Confermata la degustazione dei Tre Bicchieri del Gambero Rosso, mentre novità assoluta
è Young&Young, evento che vede i giornalisti Paolo Massobrio e Marco Gatti, guidare tre sessioni di degustazione con quattro giovani produttori e una platea di wine blogger che twittano in tempo reale le proprie impressioni. Ritorna Taste Italy, da quest’anno by Doctor Wine Daniele Cernilli.

STUDI E RICERCHE

Quattro le ricerche di quest’anno: 1 - Vino e Gdo, 2 - L’export di vino attraverso un’indagine realizzata sulle
aziende espositrici di Vinitaly, 3- L’export di vino biologico con un’indagine realizzata sulle aziende associate
a FederBio, 4 - La percezione dei vino italiano sui mercati esteri con un’indagine effettuata attraverso i delegati di Veronafiere in 60 Paesi. Una nuova iniziativa dedicata agli approfondimenti, alle analisi di settore viene lanciata da Veronafiere/Vinitaly con Wine2Wine, in programma il 3 e 4 dicembre 2014. L’appuntamento si configura come forum dedicato ai produttori di vino e alle più importanti aziende della filiera, pensato in particolare per gli espositori di Vinitaly. Previsti numerosi work shop, case history nazionali e internazionali in chiave business e di sviluppo dell'internazionalizzazione delle aziende.

VINITALY INTERNATIONAL A VINITALY

Braccio operativo di Vinitaly all’estero, Vinitaly International organizza a Verona tre degustazioni (delle quali una nel padiglione Vininternational le altre al 1° piano del Palaexpo sala C) nell'ambito del Vinitaly International Academy, l’iniziativa educazionale realizzata in collaborazione con Ian D’Agata.

RISTORANTI E CITTADELLE DELLA GASTRONOMIA

Ai tradizionali Ristoranti d’autore con chef stellati, Self Service d’autore (gestito dai giovani ristoratori italiani della Jre) e Ristorante Goloso (che quest’anno diventa bio), si aggiunge il Ristorante di Enolitech nel padiglione F. Tavoli, sedie e arredo di questo nuovo ristorante sono forniti da Kube Design, sponsor di Enolitech. Per la pausa pranzo, oltre ai ristoranti istituzionali ci sono anche le Cittadelle della Gastronomia, che presentano le realtà regionali.

NUOVO CATALOGO INTERATTIVO, SERVIZI ALLE IMPRESE, PER I VISITATORI E IN QUARTIERE

Da quest'anno il catalogo on-line di Vinitaly diventa interattivo e disponibile anche per la visualizzazione su smarphone e Iphone. Le aziende espositrici hanno ora la possibilità di personalizzare la propria posizione aggiungendo contenuti, immagini e link ai propri social media già attivi: una sorta di mini sito per valorizzare appieno la propria presenza in fiera. In quartiere, oltre alla nuova numerazione dei padiglioni dall'8 al 12, viene avvicinata agli altri padiglioni la tensostruttura (pad. F) che ospita Enolitech. Disponibile un’area di servizio a supporto dei blogger presenti a Vinitaly, per lavorare e “ricaricare” i propri strumenti di lavoro e per usufruire di una connessione internet semplice e veloce. Aumentano di anno in anno le richieste per esporre a Sol&Agrifood e crescono in maniera significativa le presenze estere, che quest’anno vedono Grecia, Argentina, Croazia, Algeria e Marocco quali “special guest”. La selezione delle aziende è molto stretta, per mantenere alto il livello dell'offerta della Rassegna internazionale dell'agroalimentare di qualità (www.solagrifood.com). Cambia quest'anno la disposizione delle merceologie presenti, con tre aree – area food, area birre e area olio extravergine di oliva - per migliorare l'esperienza degustativa dei visitatori professionali presso gli stand. Rimangono le attività proposte con i Food&EVO tasting, i cooking show nell’Area Agorà e l’Area Sensoriale gestita da Centro Studi Assaggiatori, suddivisa in 3 sezioni: Coffee Experience, Grappa Tasting e Narratori del Gusto con special guest i vini da dessert e l’aceto balsamico di Modena. Quest’anno l’Isola sensoriale si arricchisce di seminari sulle tecniche innovative di comunicazione dei Narratori del gusto, del Gran Premio Isola Sensoriale per i caffè e gli spirits che registreranno le migliori performance e che premierà i visitatori che visiteranno almeno cinque produttori dopo avere fatto l’esperienza del banco di assaggio con l’omaggio dell’e-book Il codice sensoriale del vino. Due quest’anno le aree dedicate alla birra: la prima come lo scorso anno, viene gestita da Assobirra per la presentazione dei prodotti dei migliori birrifici artigianali, l’altra accoglie birrifici italiani conosciuti sul territorio italiano ed estero, e anche produttori di birra provenienti dalla Repubblica Ceca e da Malta. Il Ristorante Goloso diventa bio, con l'offerta di cibi e vini prodotti con metodo biologico. Aziende leader nella fornitura di mezzi tecnici si presentano a Enolitech, il Salone Internazionale delle Tecniche per la Viticoltura, l'Enologia e delle Tecnologie Olivicole ed Olearie giunto alla 17^ edizione (www.enolitech.com). Si tratta di una vetrina commerciale sempre più importante, dove l'offerta incontra la domanda degli operatori provenienti da tutto il mondo, ma il plus che Veronafiere può offrire rispetto ad altre fiere simili è la concomitanza con Vinitaly e Sol&Agrifood, che permette di avere un confronto tra tutti i componenti delle due filiere del vino e dell'olio di oliva. Per aumentare l'integrazione delle diverse rassegne, il padiglione F che ospita Enolitech – direttamente raggiungibile dall'ingresso Giulietta e Romeo - quest'anno viene avvicinato agli altri padiglioni del quartiere fieristico. Il grand tasting “Finest Italian Wines, 100 Great Producers, si svolge come di consueto alla vigilia
dell'inaugurazione di Vinitaly, quest'anno il 5 aprile dalle 16 alle 18.30 alla Gran Guardia. Ingresso riservato
su invito dei produttori, di Vinitaly e di Wine Spectator, la rivista americana che, in collaborazione con Vinitaly, seleziona le aziende e la singola etichetta che ognuna potrà mettere in degustazione. L'evento, realizzato in collaborazione con Wine Spectator, è preceduto dalle 13 alle 14 da una conferenza stampa.

VINITALY AND THE CITY

Vinitaly and the City è il Fuori Salone di Vinitaly, seconda edizione di una manifestazione dedicata a tutti gli appassionati del buon cibo e del buon vino, in programma al Palazzo della Gran Guardia di Verona domenica 6 e lunedì 7 aprile dalle 17.30 alle 23. Il visitatore, con un ingresso di 15 euro, può combinare quattro diverse degustazioni a scelta fra vino e cibo. Un evento da non perdere, per un'esperienza organolettica a tutto tondo.

Data e luogo dell'evento:
Da domenica 6 aprile a mercoledì 9 aprile ore 9:30 – ore 18:30
Veronafiere – Viale del Lavoro, 8 – Verona

Le aziende presenti:
Catalogo 2014

Aree espositive speciali:
Vivit
VinitalyBio
International Buyers' Lounge

Le degustazioni:
Seminari 2014

Ingresso:
50 €
45 € on line
90 € abbonamento 4 giornate
80 € abbonamento 4 giornate online

Informazioni:
Vinitaly

BIOL 2014

Olio biologico, podio tutto italiano al Premio Biol: vince il casertano "Monte della Torre"
Andria: tutti i verdetti del concorso per i migliori extravergini ecocompatibili
Chiusa la kermesse che ha visto Andria epicentro dell’olivicoltura internazionale bio. Secondo il fiorentino “San Martino”, terzo il pugliese “Tenuta Arcamone”. BiolPack all’umbro “Viola”, Biolkids al portoghese “Carm”. Hanno gareggiato - cifra record - 425 oli in gara da 17 Paesi. Podio tutto made in Italy per il XIX Premio internazionale Biol.



E’ l’extravergine “Monte della Torre” dell’omonima azienda di Caserta a vincere il Premio Biol 2014, la kermesse internazionale riservata ai migliori oli bio, che assegna in Puglia i più importanti riconoscimenti mondiali del settore.

 L’olio campano è risultato il migliore assoluto dell’ultima annata tra i 425 oli in gara - cifra record - giunti da 17 Paesi, superando al fotofinish un tipico olio del Chianti, il “San Martino” della Tenuta omonima di Bagno a Ripoli (Firenze). Terzo posto al pugliese “Tenuta Arcamone” prodotto da De Carlo a Bitritto (Bari), che porta a casa anche il riconoscimento tematico per la miglior coratina.

Fra gli stranieri, miglior piazzamento - al nono posto - per lo spagnolo “Finca La Torre Selection” di Malaga.

Ad aggiudicarsi il Premio BiolPack (miglior accoppiata etichetta-packaging assegnato da una specifica giuria di esperti in comunicazione e consumo) l’umbro “Viola” dell’omonima azienda di S. Eraclio Foligno (Perugina). Premio BiolKids, assegnato dalla giuria dei bambini, al portoghese “Carm Grande Escolana”. 

La proclamazione dei vincitori è avvenuta a Castel del Monte, con l’intervento tra gli altri dell’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia Fabrizio Nardoni, del presidente della Camera di commercio di Bari Alessandro Ambrosi, del sindaco di Andria Nicola Giorgino, in una spettacolare cornice - con riprese aeree filmate dal “Bioldrone” - formata dai 600 bambini del BiolKids: progetto che con percorsi formativi e laboratori d’assaggio degli oli bio ha coinvolto 26 classi di scuole primarie delle sei province pugliesi e quest’anno anche sette classi calabresi, sarde e liguri, formando un baby panel che in mattinata ha affiancato i giurati internazionali per assegnare l’olio più piacevole ai giovani palati.

“La giuria internazionale - ha dichiarato il coordinatore del Biol Nino Paparella - ha rilevato come, nel costante miglioramento della qualità generale, sia stata un’ottima annata per gli oli bio italiani, nonostante caldo e siccità. Con una qualità diffusa tra le varie regioni, e non più concentrata in poche. Per l’estero, nella selezione finale ottima figura per gli spagnoli, portoghesi, greci e sloveni: a riprova che la qualità si ottiene a prescindere da aree geografiche e clima. Quanto agli oli di casa, ottimi, e per tutte le varietà pugliesi. Con coratine ormai da premio”. I vincitori e i circa 150 oli aggiudicatisi le Medaglie ExtraGold, Gold e Silver saranno pubblicati nel tradizionale Catalogo del Biol, poi presentato alle principali fiere internazionali, dal BioFach di Norimberga al Sana di Bologna.

Si chiude dunque la kermesse organizzata dal CiBi e promossa da Regione Puglia - Area Politiche per lo sviluppo rurale, Camera di Commercio di Bari e Città di Andria, che tra sessioni della Giuria internazionale, il convegno (promosso da Bridgeconomies - Unioncamere Puglia) sull’olio bio tra produzione e mercato - col suo focus su Cina, Giappone e Usa - la mostra degli oli in concorso, le “Biol Officine” - con incontri aperti su birra, olio e miele bio, laboratori di videoarte, BiolBar e concerti serali, per tre giorni ha reso Andria epicentro internazionale del movimento olivicolo biologico.


Il Premio Biol è patrocinato da Provincia Bat, Ifoam, AgroBioMediterraneo, e si svolge in collaborazione con Associazione BiolItalia, Gal - Le Città di Castel del Monte, Consorzio Puglia Natura, Lilt e Axiom Group.


L’elenco completo di tutti i riconoscimenti territoriali e delle menzioni sarà presto online su premiobiol.it/

Wine Post-it


lunedì 24 marzo 2014

SAGRA DEL CARCIOFO ROMANESCO

Al via a Ladispoli, dall'11 al 13 Aprile 2014, la 64^ Sagra del Carciofo Romanesco
Come le rondini puntualissima torna in primavera la “Sagra del Carciofo Romanesco” di Ladispoli.
Foriera dei profumi e dei sapori tipici di questa stagione, la manifestazione continua nella sua evoluzione tesa a raggiungere sempre maggiori standard qualitativi.



La rassegna enogastronomica, dopo aver raggiunto livelli assolutamente da record sotto il profilo quantitativo, nella precedente edizione si sono raggiunte le 500.000 presenze, punta ora tutto sulla qualità.

A fianco degli organizzatori della Pro loco si consolidano le collaborazioni con l’Istituto Alberghiero “Yvonne de Begnac”, con i ristoratori locali e con la nuova cantina vinicola “La Rasenna”.

Ulteriore novità sarà rappresentata dallo stand dell’Associazione Italiana Celiachia che preparerà specialità gastronomiche a base di carciofo prive di glutine.

La presenza di Marco Sarandrea, erborista fitopreparatore a livello nazionale, permetterà di apprezzare le qualità salutari e salutistiche del nostro prezioso ortaggio. 

Per gli amanti di musica e fitness la Sagra è l’occasione per mostrare quanto faccia bene lo sport abbinato ad una sana alimentazione. L’esibizione di tante palestre locali lo confermerà.

All’insegna della tradizione invece gli spettacoli musicali che si succederanno sull’intera area della manifestazione con il momento esaltante del Secondo Carnevale Primaverile Nazionale.

Cartellone fittissimo ed una “Piazza dei sapori d’Italia” gremita di ospiti e specialità tipiche di tutta la nazione condurranno il visitatore fino al gran finale dei fuochi d’artificio.



IL PROGRAMMA

64^ SAGRA DEL CARCIOFO ROMANESCO
8^ FIERA NAZIONALE
11-12-13 APRILE 2014
17^ Bi-Settimana gastronomica del Carciofo Romanesco dal 31 marzo al 13 Aprile

LUNEDI' 31 marzo
APERTURA DELLA BI-SETTIMANA GASTRONOMICA: dal 31 marzo al 13 Aprile nei migliori ristoranti locali si potranno degustare prelibati menù a base di carciofi al prezzo fisso di € 22,00. (richiedere il programma illustrativo alla Pro Loco o presso i ristoranti aderenti all’iniziativa)

VENERDI’ 11 APRILE
Mattino: Allestimento stand e settori espositivi della VIII Fiera Nazionale. Al suo interno, la VIII Fiera Nazionale, oltre all’esposizione di prodotti tecnologicamente innovativi propone:
“SAPORI D’ITALIA”
Una rassegna di sapori e prodotti delle terre di: Abruzzo, Calabria, Campania, Friuli, Lazio, Marche, Liguria, Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria, Veneto.
Negli stand posizionati in PIAZZA DEI CADUTI verranno effettuate degustazioni gratuite e vendita di specialità tipiche.
Durante il corso della Sagra si svolgeranno attività promozionali da parte dell’ARSIAL (Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura nel Lazio)
Nello Spazio Culturale di Piazza della Vittoria Mostra fotografica sulla Storia della Sagra del carciofo Romanesco a cura della Biblioteca Comunale di Ladispoli

Ore 10.00 SPAZIO CULTURALE PIAZZA DELLA VITTORIA: X edizione del premio “Ladispoli, la mia città” In collaborazione con le scuole secondarie di primo grado della città
Istituto comprensivo “Ladispoli I”
Istituto comprensivo “Ilaria Alpi”
Istituto comprensivo “Corrado Melone”

dalle ore 15.00 PIAZZA ROSSELLINI:
4° Contest di Free Style “Città di Ladispoli” In collaborazione con Profession Dance
Esibizione di Hip Hop del Gruppo Avviamento Professionale Profession Dance di Paola S orressa

Esibizione di Hip Hop della scuola Butterfly Dance

Ore 18,00 SPAZIO CULTURALE PIAZZA DELLA VITTORIA: presentazione del libro

PARLIAMONE
Pensieri e segreti della comunicazione
personale per migliorare la propria vita
di Claudio Nardocci

I NONNI DI CAERE VETUS

FASHION DANCE di Alex Casu Latin Sincro Dance e Balli di Gruppo Coreografati

Direttamente da Amici: Ruben
A seguire (dalle ore 21.00) PIAZZA ROSSELLINI: Aspettando la Festa dei Romantici
TERRA E MODA IN BELLEZZA
Organizza Associazione Tamà in collaborazione con Crazy Eventi
Durante la serata sarà eletta la principessa Etrusca

SABATO 12 APRILE
Ore 9.00: Apertura stand
Ore 11.00 Piazza Rossellini: Dimostrazione e prova di Minitennis a cura del Tennis Club Nautico di Ladispoli, maestro Gianluca Loioli
Ore 11.00 SPAZIO CULTURALE PIAZZA DELLA VITTORIA: Le proprietà benefiche del carciofo romanesco a cura di di Marco Sarandrea, erborista fitopreparatore a livello nazionale

Ore 12.00 PIAZZA ROSSELLINI: Apertura della manifestazione da parte del Sindaco CRESCENZO PALIOTTA e benedizione della Sagra da parte di S.E. il VESCOVO.
Dalle 15,00 alle 17,00 SPAZIO CULTURALE PIAZZA DELLA VITTORIA: Simultanea di scacchi con Istruttori Federali a cura del circolo scacchistico ALVISE ZICHICHI
Ore 15.00 PIAZZA ROSSELLINI: Esibizione di palestre e scuole di danza locali
A.S.D. Profession Dance Di Paola Sorressa
A.S.D. Big Angel di Cinzia Angeloni
A.S.D. Pura Vida di Bruna Bartolini
A.S.D. TEAM LADISPOLI Studio dance & Lab Di Roberta Sambucci
Associazione Benefyt di Amalia Lo Prete esibizione di acrobatica aerea e a terra
Esibizione di ballo a cura del “Centro anziani di Ladispoli”
Ore 17.00 SPAZIO CULTURALE PIAZZA DELLA VITTORIA: “IL CARCIOFO SULLA NOSTRA TAVOLA” a cura dell’Istituto Alberghiero di Ladispoli
Ore 18.00: INFOTENDA PIAZZA DELLA VITTORIA LADISPOLI SALUTO AI PAESI GEMELLATI
PIAZZA ROSSELLINI: Esibizione di palestre e scuole di danza locali
Esibizione di ballo dell’ Associazione Centro Sociale Anziani “Gioia di Vivere”
Esibizione di Taekwondo A.S.D. TAEKWONDO LADISPOLI

Associazione Culturale e Sportiva Dilettantistica NEXUS

Ballet “Passo dopo passo” Di Loredana Mantini Presso centro sportivo “Il Gabbiano”
A.S.D. Bad Boys
Dalle ore 21,00 PIAZZA DEI SAPORI: Musica dal vivo Con ROBERTO E LILIA
A seguire (Ore 21,00) PIAZZA ROSSELLINI: È PIU’ DI UNA FESTA…..SARA’ UN GRANDE CARNEVALE!
2° CARNEVALE PRIMAVERILE NAZIONALE

Ore 21.00 PIAZZALE ROMA (STAZIONE FS) SFILATA CARNEVALESCA, VENITE TUTTI IN MASCHERA!
CARNEVALE BRIGANTINO DELLA PRO LOCO DI CRISPIANO E LE SCUOLE DI BALLO LOCALI
AL TERMINE DELLA SFILATA TUTTI IN PIAZZA ROSSELLINI: STARLIGHT E20, MUSICA E ANIMAZIONE CON KIMBO E LE SCUOLE DI BALLO E GRUPPI LOCALI
Cabaret con PABLO E PEDRO
DOMENICA 13 APRILE
Ore 10.00: Viale Italia “Viale Italia come Via Margutta” Mostra di pittura, opere d’arte e di artigianato a cura di Filippo Conte

Ore 10.30 PIAZZA ROSSELLINI:
Esibizione itinerante della Banda BASSA MUSICA CITTA’ DI MOLFETTA
e dei CANTORI DELLA VALNERINA

Ore 11.00 PIAZZA ROSSELLINI: CONCORSO DELLE SCULTURE DI CARCIOFI realizzate dai produttori agricoli.
Visita agli stand delle aziende agricole da parte della giuria e delle autorità. Premiazione degli stand e dei prodotti migliori da parte delle autorità cittadine

Ore 14.30 PIAZZA ROSSELLINI: Esibizioni di Palestre ed associazioni locali

REAL BODY di Mauro Mariani

Associazione Sportiva AIKM di Federico Forgia esibizione di Krav Maga

A seguire (ore 16.30) PIAZZA ROSSELLINI:
CONCERTO BANDA MUSICALE LA FERROSA DI LADISPOLI e BANDA DON GIUSEPPE DEL SOLE di Marano Equo gemellata con La Ferrosa
A seguire (Ore 21.00) PIAZZA ROSSELLINI: TOUR RADIO CUORE ANNI ’60: I CUGINI DI CAMPAGNA

Ore 23.30 PIAZZA DEI CADUTI: GRANDE SPETTACOLO PIROTECNICO (davanti Stabilimento Columbia) della ditta RAFFAELE FIREWORKS Pluripremiati ai campionati pirotecnici mondiali
DIFFIDATE DALLE IMITAZIONI!! CERCATE I CARCIOFI DI LADISPOLI SOLO PRESSO I PRODUTTORI LOCALI 

SABATO 12 APRILE - La Sagra è anche Archeologia 
Alle ore 10,00 Via dei Delfini ingresso Parco di Palo: visita guidata ai resti della Villa Romana di Marina di Palo a cura del Gruppo Archeologico Romano Sezione Ladispoli
Ore 16,00 VIA RAPALLO 14: Visita guidata della Villa Romana della Grottaccia, seguiranno immagini riguardanti gli ultimi scavi all’interno del criptoportico.
Il nostro è un carciofo dal cuore tenero e vi invita a partecipare alla Festa dei Romantici che si svolgerà il 15 e 16 giugno 2013 in Piazza Domitilla-Largo Domiziano
Durante la Sagra saranno presenti, oltre alle Forze dell’ordine:
- la Protezione Civile del Comune di Ladispoli
- Associazione Bersaglieri “La Fenice” – Protezione civile

Richiedere il programma presso la pro Loco di ladispoli
tel 06/9913049-06/99223725 (infopoint)